Le Origini dell’Accademia dei Concordi

L’Accademia dei Concordi nasce nel 1560 ad opera del Duca di Ferrara Alfonso II d’Este (Ferrara, 22.11.1533 – Ferrara, 27.10.1597).

Da non confondere con l’omonima Accademia nata a Rovigo nel 1580 ad opera del conte Gaspare Campo (Rovigo,1557-Rovigo, 21.02.1629), grande amante di scienza, lettere e arti che probabilmente s’ispirò all’Accademia dei Concordi del Duca di Ferrara nata esattamente vent’anni prima. A testimonianza di ciò, si può consultare la Scheda redatta dalla Ricercatrice, dott.ssa Donatella Melini, sulle notizie musicali presenti nel registro della spese dell’Amministrazione dei Principi nr.97 della casa del Duca Alfonso d’Este.

 

Dalla ricerca effettuata dalla Melini, si evince chiaramente che la data di nascita dell’Accademia dei Concordi, ad opera del Duca Alfonso II d’Este, è datata 1560. Per completezza d’informazione riportiamo uno stralcio della sua ricerca.

 

«Alfonso della Viola con il fratello Francesco della Viola sono figure molto note nell’ambito degli studi musicali dedicati agli Este5 e, naturalmente, sono diverse le occorrenze che li riguardano presenti anche in questo registro dell’Amministrazione dei Principi n.97.

 

Alfonso della Viola, nato a Ferrara intorno al 1508, fu rinomato madrigalista e principale compositore per le tragedie, i drammi pastorali e le commedie alla corte di Ferrara. Di lui si conservano due volumi di madrigali editi a Ferrara nel 1539 e nel 1543. Nel 1568 divenne maestro di cappella del Duomo fino, presumibilmente, alla sua morte avvenuta, si pensa, nel 1573. La specificazione “della viola” è significativa dell’importanza data da entrambi allo strumento del quale furono cultori e rinomati esecutori. Francesco della Viola, nato anch’egli agli inizi del Cinquecento, fu al servizio di casa d’Este a partire dal 1530 come precettore di viola del principe ereditario Ercole. A Francesco, Alfonso II affidò intorno al 1559 la direzione della cappella musicale ducale che aveva in organico in pianta stabile circa trentasei musici ma che, in caso di necessità, potevano arrivare fino a sessanta. L’anno seguente lo troviamo presente, insieme al fratello Alfonso, in un’altra istituzione promossa dal duca Alfonso II ossia l’Accademia dei Concordi che riuniva tutte le eccellenze musicali presenti a Ferrara. Francesco morì nella capitale estense il 18 marzo 1568

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *